Bonus Chef. Ecco le regole per richiederlo

Possono accedere al credito d’imposta i cuochi professionisti presso alberghi e ristoranti, sia come lavoratori dipendenti che autonomi con partita Iva

Sono state definite le misure attuative del Bonus Chef; che riguarda le spese relative ad attrezzature, materiali e formazione effettuate tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022 e non potrà superare in ogni caso il tetto dei 6000 euro per ciascun beneficiario. Le risorse stanziate per l’intervento agevolativo sono pari a tre milioni di euro, un milione per ciascuna annualità 2021, 2022 e 2023. Per il modello e le modalità di trasmissione delle istanze bisognerà aspettare un successivo provvedimento del Mise.

Soggetti beneficiari
Possono accedere al credito d’imposta i cuochi professionisti presso alberghi e ristoranti, sia  come lavoratori  dipendenti che autonomi con partita Iva, per le spese sostenute tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022. E’ necessario, fra l’altro, essere residenti o stabiliti Italia, avere un regolare contratto di  lavoro o una partita Iva almeno a partire dal 1° gennaio 2021,  avere il godimento dei diritti civili.

Spese ammissibili
Devono essere pagate attraverso conti correnti intestati al beneficiario e con modalità che consentono la tracciabilità del pagamento. Rientrano tra le spese agevolabili:

  • l’acquisto di macchinari di classe energetica elevata, destinati alla conservazione, lavorazione, trasformazione e cottura dei prodotti alimentari;
  • l'acquisto di strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione;
  • la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.

Invio delle istanze
Concluso il periodo di ammissibilità delle spese i soggetti interessati devono inviare al Mise un’istanza telematica con cui dichiarano il possesso dei requisiti per l’agevolazione e l’elenco delle spese sostenute allegando la documentazione comprovante le spese e il relativo pagamento oltre al regolare contratto, o partita Iva.
I termini, le modalità di invio, il contenuto dell’istanza e il relativo modello, saranno definiti con successivo provvedimento  del  direttore  generale  per  gli incentivi alle imprese del Mise.

Controlli
Il ministero dello Sviluppo Economico trascorso il termine finale per la presentazione delle istanze verifica la completezza e il rispetto da parte del richiedente del massimale di aiuti previsto dal regolamento de minimis. Successivamente adotta un provvedimento di concessione cumulativo di tutti i beneficiari specificando l’importo utilizzabile per ciascuna annualità. Tale provvedimento sarà pubblicato sul sito istituzionale del ministero (www.mise.gov.it), previa comunicazione all'Agenzia delle entrate.
L’Agenzia delle entrate effettua i controlli sulla legittima fruizione del credito e, nel caso in cui accerti l’indebita fruizione dell’agevolazione, informa il ministero per il recupero del bonus non spettante. La stessa Agenzia trasmette al Mise l'elenco delle imprese che hanno utilizzato in compensazione il credito d'imposta con i relativi importi.

28 settembre 2022
Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Condividi su Whatsapp
Condividi su Google Plus
Condividi via posta elettronica
NEWS CORRELATE
Contributo bar, piscine e ristoranti. Il modello per le istanze

Tutto pronto per i titolari di ristoranti, bar, piscine, attività di catering e di organizzazione di cerimonie che intendono richiedere i contributi destinati a questi settori in difficoltà dal decreto “Sostegni-bis”. La finestra temporale per l’invio delle istanze si è aperta il 22 novembre e si conclude il 6 dicembre.

28 novembre 2022
Imprese. Accordo tra Confesercenti ed Intesa San Paolo

CONFESERCENTI E INTESA SANPAOLO hanno siglato un accordo che mette a disposizione delle piccole imprese un plafond creditizio di 5 miliardi di euro.

28 novembre 2022
Gli aspetti fiscali contenuti nel Decreto Aiuti Quater

Di seguito si riassumono le principali misure di carattere fiscale contenute nel Decreto Legge n.176/2022 (c.d. Decreto Aiuti quater) recante "Misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica".

22 novembre 2022
Bonus "Anti Inflazione" per i lavoratori autonomi

E’ stato  pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo del bonus 200 euro per autonomi e professionisti, con i criteri e le modalità per inoltrare la domanda di indennità una tantum prevista dal Decreto Aiuti.

28 settembre 2022
Tax credit librerie, domande online dal sito del ministero della Cultura

A beneficiare del bonus sono soprattutto i piccoli librai. Le librerie indipendenti, non legate a gruppi editoriali, infatti, possono ricevere fino a 20mila euro di credito, per gli altri il limite è di 10mila euro. 

14 settembre 2022
Dal 30 giugno sanzioni in caso di mancata accettazione dei pagamenti elettronici

Con l’approvazione dell’art. 18 del decreto-legge 30 aprile 2022, n. 36 (recante ulteriori misure urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza - PNRR), il termine del 1° gennaio 2023 previsto per l’applicazione delle sanzioni in caso di mancata accettazione dei pagamenti elettronici è stato anticipato al 30 giugno 2022.

28 giugno 2022
Dal 1° luglio 2022 scatta l’obbligo della fattura elettronica anche per i forfettari

Confesercenti mette a disposizione dei propri clienti strumenti ad hoc e all’avanguardia che, insieme all’assistenza dei propri consulenti, permettono una gestione completa della fatturazione attiva e passiva ed un migliore monitoraggio dei dati aziendali.

14 giugno 2022
Imposta di soggiorno, dichiarazione telematica

Il modello deve essere utilizzato dai gestori delle strutture ricettive per la dichiarazione relativa all’imposta di soggiorno e al contributo di soggiorno, e dai soggetti che incassano il canone o il corrispettivo, ovvero che intervengono nel pagamento dei canoni o corrispettivi relativi alle cosiddette locazioni brevi.

25 maggio 2022
Incontra il Futuro della Tua Azienda! Rivolgiti a Confesercenti Firenze

Confesercenti è uno strumento importante ed incisivo di tutela e di crescita dell’imprenditoria; svolge nei confronti del propri aderenti non soltanto funzioni di rappresentanza sindacale, ma anche di ricerca e selezione di nuove opportunità imprenditoriali, di regolamentazione degli interessi economici, di erogazione di servizi e assistenza tecnica, commerciale e finanziaria.

24 maggio 2022
  • Confesercenti Nazionale
  • Confesercenti Toscana
  • Cescot Firenze
  • Fondazione sviluppo urbano
  • Ebct
  • ConfesercentiLab
  • Sistema Gestione Urbana
  • Italia Comfidi
  • Regione Toscana
  • Città Metropolitana di Firenze
  • Comune di Firenze
  • Camera di Commercio

Confesercenti Firenze - piazza Pier Vettori, 8/10 Firenze
Tel.: +39 055 27051 - Fax: +39 055 224096 - C.F. 80023990486

Sito conforme agli standard W3C (World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional